Ultime notizie in evidenza

Particolare delle campagne di Vittoria

Le serre del ragusano, frutto di un mondo senza diritti

Dobbiamo contestualizzare il dramma delle donne rumene di Vittoria. Andare oltre lo scandalo. Abbiamo di fronte una forma estrema di sfruttamento che ci riguarda tutti. Come un virus, lo schiavismo si è esteso in modi imprevedibili. Ma senza diritti, c’è solo il ricatto e l’orrore

barche a lampedusa

Zarzis – Lampedusa – Parigi. «Quando sarà pronto il vostro visto io sarò già morto»

Un ragazzo tunisino approfitta della Primavera per andare a curarsi a Parigi, via Lampedusa. Mostra un fax con giorno e ora dell’appuntamento all’ospedale francese (“massimo 30 minuti di ritardo”). Nessuno gli crede. Il tempo sta per scadere. “Quando sarà pronto il vostro visto io sarò già morto”. Il racconto in prima persona di una delle storie più significative raccolte a Lampedusa

cover_lampedusa-m

Uno spettacolo che può finire. Lampedusa, il Truman Show

I disperati. Le carrette del mare. L’esodo biblico. I clandestini. Gli sbarchi. E l’onnipresente invasione. Nel corso degli anni Lampedusa è diventato un luogo dell’immaginario. Il vocabolario dei media, sempre identico. Gli allarmi dei politici, falsi e strumentali.
Così sono stati spostati milioni di voti in dieci anni. Raccontando un soggetto televisivo. E ignorando la realtà

Nomadi per decreto

Chiamiamo nomadi quelli che non vogliono spostarsi. Cambiano casa quando li sgomberiamo. Vogliono viaggiare tutti gli altri, ma glielo impediamo. Quelli che voglioni curarsi, amare, conoscere un pezzo di mondo diverso. Paradossi di un mondo in cui i luoghi comuni prendono il posto della realtà